18 MAR. IL MONACO V4 PHANTOM

Total black. Total mat. Elegante. Senza compromessi. Discreto. La cassa e i 7 ponti del suo leggendario movimento in fibra di carbonio, la celebre microcinghia di trasmissione dentellata (dalle dimensioni di un capello, appena 0,07 mm), la massa lineare con movimento rettilineo e i cuscinetti a sfera: è il Monaco V4 Phantom.

La novità della versione 2015 è costituita dai 7 ponti del movimento e dalla cassa, tutti in CMC (composito a matrice di carbonio). Un'apposita tecnica per realizzarli in "carbonio orientato": le fibre di carbonio sono posizionate all'interno dello stampo in una determinata direzione e poi sottoposte a microsabbiatura, per un particolare effetto di "satinatura verticale nera e opaca". Il quadrante presenta sfumature grigio scure e nere. Le lancette, sono sfaccettate e satinate, rivestite da carburo di titanio e SuperLuminova™ grigio antracite. Solo i 48 rubini del movimento rivelano qualche piccolo e discreto tocco di rosso.

Impreziosito da un movimento meccanico all'avanguardia e da prestazioni tecniche in fibra di carbonio, il Monaco V4 Phantom è il risultato della perizia orologiera del laboratorio TAG Heuer di La Chaux-de-Fonds, in Svizzera, incaricato dello sviluppo, della produzione e dell'assemblaggio artigianali: il risultato è una versione elegante, moderna, ultraleggera e con un'eccezionale resistenza agli urti. Il suo design esclusivo è particolarmente inusuale per un orologio a grandi complicazioni.

Presentato per la prima volta undici anni fa, nel 2004, il Monaco deve l'appellativo V4 alla forma a V della platina, che ospita quattro bariletti montati in due coppie adiacenti sui cuscinetti a sfera. I bariletti presentano un angolo di +/- 13 gradi, un evidente richiamo ai cilindri di un motore di Formula 1. Grazie alla sua cintura di trasmissione e alla massa lineare con movimento su binario rettilineo (brevettato), che sostituisce il tradizionale movimento rotatorio, il Monaco V4 rivoluziona i principi fondamentali della meccanica orologiera. Con la stessa cassa quadrata del Monaco che Steve McQueen indossa nell'indimenticabile film Le Mans, del 1971, il primo Monaco V4 ha vinto un Red Dot Design Award in Germania, il premio Watch of the Year assegnato dalla rivista Wallpaper e il riconoscimento "Best of What’s New" della rivista Popular Science.

SCOPRI LE NOVITÀ PER BASELWORLD