MCLAREN I SIGNORI DELLA VELOCITÀ

LA STRADA VERSO IL SUCCESSO

“La vita si misura in conquiste, non negli anni che passano” Bruce McLaren

Prima della McLaren Mercedes, i team di F1 concentravano le proprie risorse su un solo obiettivo: vincere il Mondiale Costruttori.

Dopo aver visto la McLaren – l'unico team a essersi trasformato in produttore di auto da strada – vincere l'Indianapolis 500, la Can Am, la 24 Ore di Le Mans e quattro mondiali piloti e costruttori consecutivi in Formula 1, le squadre hanno dovuto rivedere la loro strategia ed estendere le loro ambizioni.

...COME TAG HEUER


Nel 1963, un ventiseienne di nome Bruce McLaren iniziò a costruire auto da corsa in un angusto laboratorio nel Surrey, in Inghilterra...

Bruce si era già fatto un nome come pilota in diverse gare nella nativa Nuova Zelanda e negli Stati Uniti, e l'anno prima aveva trionfato al Gran Premio di Monaco di Formula 1. Tre anni più tardi, vinse nuovamente, stavolta alla guida di una vettura costruita con le sue stesse mani e che portava il suo stesso nome. Morì quattro anni dopo, in un pauroso incidente nel corso del collaudo di una nuova vettura. “La vita si misura in conquiste, non negli anni che passano”, scrisse una volta di un collega scomparso. Un epitaffio quanto mai appropriato anche per se stesso. L'eredità dei suoi successi è senza pari negli sport automobilistici. Il suo McLaren Technology Centre conta oggi 2.000 dipendenti e, oltre alle vetture di F1, produce i bolidi più ambiti al mondo. Il team McLaren ha ottenuto più successi di qualsiasi altro team di Formula 1 – 182, incluse le 15 di Monaco, un record tuttora ineguagliato. La McLaren è anche il team più vincente in F1 dal suo ingresso avvenuto nel 1966. Il team ha dominato la North American CanAm , con 43 vittorie tra il 1967 e il 1972, vinto la Indy 500 per tre volte tra il 1972 e il 1976 e conquistato la 24 Ore di Le Mans al primo tentativo, nel 1995. I piloti del team – tra cui Emerson Fittipaldi, James Hunt, Niki Lauda, Mika Hakkinen, Kimi Räikkönen, Lewis Hamilton, Fernando Alonso, Jenson Button – sono nomi familiari e leggende dell'automobilismo. Due di loro, Alain Prost e Ayrton Senna, hanno rappresentato la massima rivalità nella storia della Formula 1. Come il team per il quale hanno lottato, e come TAG Heuer, rappresentano i valori fondamentali in gara: coraggio, ambizione, visione, capacità di spingere più degli altri, senza mai, indipendentemente dalle circostanze, cedere alla pressione.

CONTINUA A LEGGERE