Marlou van Rhijn LA DONNA BIONICA

LA STRADA VERSO IL SUCCESSO

“L'unica vera disabilità nella vita è la mancanza di prospettiva e di ambizione.”

Prima di Marlou van Rhijn, l'atletica paralimpica femminile non aveva star di caratura internazionale.

La grazia e la bellezza di Marlou, unite alla potenza esplosiva e alla velocità da record, hanno portato lo sport a un nuovo livello e dato al mondo una nuova eroina: una giovane donna che sfida tutti gli ostacoli, senza mai cedere alla pressione.

...COME TAG HEUER

Marlou van Rhijn è veloce e bella. Ed è l'epitome del coraggio e della determinazione.
Nata senza gambe in una piccola città olandese il 22 ottobre 1991, Marlou van Rhijn impegnò le sue energie illimitate inizialmente nel nuoto, uno sport in cui eccelse, stabilendo il record olandese nello stile libero e partecipando a campionati europei e mondiali....

Presto, però, le sue ambizioni iniziarono a debordare dalla vasca. Quattro anni fa, grazie a una nuova generazione di protesi transtibiali in fibra di carbonio, è entrata a far parte della nazionale olandese di atletica paralimpica. Due anni più tardi si è qualificata per le Paralimpiadi di Londra 2012, portando a casa la medaglia d'oro nei 200 metri. Oggi, è la donna più veloce al mondo su lame di carbonio, con record nei 100, 200 e 400 metri. Record del mondo che continua a battere. Nessuna riesce ad avvicinarsi a lei perché s'impegna più di qualsiasi altra. E come TAG Heuer, è una rivoluzionaria che rifiuta i limiti imposti, insegue la perfezione, senza mai cedere alla pressione.

CONTINUA A LEGGERE

AMBASCIATORI

Da oltre 150 anni, TAG Heuer continua a raccogliere le sfide più audaci per poi spingersi oltre. Sfidando le convenzioni del settore, il Marchio ha condotto l'orologeria svizzera a livelli di precisione e performance sempre più elevati, stabilendo le proprie regole, dettando il proprio passo, superandosi sempre, senza mai scendere a compromessi né cedere alla pressione, proprio come i suoi Ambasciatori.