KEI NISHIKORI IL GUERRIERO GENTILUOMO

LA STRADA VERSO IL SUCCESSO

“Infrangere record non è una questione di fortuna. Ogni risultato è il frutto di duro lavoro e impegno”.

Prima di Kei Nishikori, il tennis in Giappone era una disciplina esotica, che non suscitava grande interesse neppure tra gli spettatori.

Con l'arrivo di Air K, cambia tutto. Autentico prodigio a soli 6 anni, a 18 diventa il più giovane tennista a entrare tra i primi 100 della classifica ATP e oggi, all'età di 24 anni, è il primo giocatore asiatico di sempre ad aver partecipato ad una finale del Grand Slam. I fan di Kei – volto nuovo, sorridente e pulito del tennis giapponese – non conoscono confini, sedotti dal suo profilo completo: velocità eccezionale, rovescio mostruoso, colpi e servizi micidiali. Ma ciò che lo contraddistingue davvero sono la forza mentale, i tempi di recupero e la capacità di non cedere mai alla pressione.

…PROPRIO COME TAG HEUER

È grazie a un'intelligenza tattica superiore a quella dei suoi avversari che Kei Nishikori ha potuto raggiungere l'olimpo del tennis.
Il 2014 è senza dubbio l'anno del miglior tennista che il Giappone abbia mai avuto. Come TAG Heuer, Kei è tenace e non cede mai alla pressione.La sua prima racchetta gli viene regalata dal padre all'età di 5 anni. Prima di compiere 6 anni, la straordinaria potenza dei suoi colpi e la precisione millimetrica del suo servizio hanno già attirato l'attenzione dei grandi del tennis giapponese.

La sorte di uno sport che nel paese del Sol Levante sembra destinato alla scomparsa, via via eclissato da baseball e calcio, può davvero poggiare sulle spalle di questo ragazzo così esile? Non ancora undicenne, Kei ha già conquistato per ben tre volte il titolo di categoria, confermandosi campione juniores in patria. A 14 anni, non disposto a compromettere la propria individualità e a conformarsi alla rigida mentalità dei vertici dello sport in Giappone, si trasferisce in Florida per allenarsi con i migliori al mondo. Non è il primo tennista giapponese a prendere una simile decisione, ma è certamente il primo a saper gestire la pressione e soprattutto ariuscire a trasformarla in un punto a suo favore. Arrivano le vittorie, prima nelle giovanili, poi nel 2007 tra i professionisti. Arrivano anche gli infortuni, alcuni dei quali seri. Ciononostante Kei si ripresenta a ogni occasione in splendida forma. Allo US Open di quest'anno, ha affrontato incontri estenuanti sotto il sole rovente, sconfiggendo uno dopo l'altro tre top player, tra cui il numero uno ATP Novak Djokovic. L'obiettivo di allora è lo stesso di oggi: diventare il migliore atleta asiatico di tutti i tempi. E il miglior tennista al mondo. Siamo pronti a scommettere su di lui perché, come TAG Heuer, Kei Nishikori è un rivoluzionario che sfida le convenzioni e rifiuta i limiti imposti, senza mai cedere alla pressione.

CONTINUA A LEGGERE

ALTRI AMBASCIATORI

Da oltre 150 anni, TAG Heuer continua a raccogliere le sfide più audaci per poi spingersi oltre. Sfidando le convenzioni del settore, il Marchio ha condotto l'orologeria svizzera a livelli di precisione e performance sempre più elevati, stabilendo le proprie regole, dettando il proprio passo, superandosi sempre, senza mai scendere a compromessi né cedere alla pressione, proprio come i suoi Ambasciatori.