25 SET. ORACLE TEAM USA, VINCITORE DELLA 34a AMERICA’S CUP

I PROTAGONISTI DELLA RIMONTA!
TAG HEUER RENDE OMAGGIO ALLO SPIRITO IMPAVIDO E COMPETITIVO DI ORACLE TEAM USA VINCITORE DELLA 34a AMERICA’S CUP

SAN FRANCISCO - TAG Heuer si congratula con il suo Partner Ufficiale, ORACLE TEAM USA, per l’emozionante vittoria in rimonta di mercoledì nella finalissima della 34a America’s Cup.

“Siamo estremamente orgogliosi di ogni singolo membro di questo team straordinario e di tutti i componenti di questa incredibile imbarcazione”, ha dichiarato Stéphane Linder, CEO e Presidente di TAG Heuer, al termine della gara di lunedì nella Baia di San Francisco. “ORACLE TEAM USA ha dimostrato una grinta eccezionale, superando ostacoli incredibili quali la perdita dell’imbarcazione, due punti di penalizzazione e la rinuncia obbligata al velista, di fronte ai quali ha saputo mantenere i nervi saldi e spingere ancora di più. E ha centrato l’obiettivo. È stato un momento grandioso, memorabile e senza precedenti nella storia della vela. Siamo grati di averne fatto parte”

Dopo quello che sembrava un insormontabile 8-1 al meglio delle 17 regate, ORACLE TEAM USA ha ottenuto una straordinaria serie di otto vittorie consecutive ai danni dell’Emirates Team New Zealand, realizzando la più grande e coraggiosa rimonta negli annali di questo sport.

“Mantenere alta la concentrazione e non perdere mai la fiducia neppure di fronte alle peggiori circostanze o quando tutto sembra essere perduto, sono segno di una forza mentale e di un impegno davvero notevoli”, ha affermato Linder. “Questi uomini sono la prova più autentica di una prestazione e di un’audacia ai massimi livelli. Non avremmo potuto chiedere di meglio per rappresentare il DNA e i valori di TAG Heuer”.

Il team, guidato dal trentaquattrenne timoniere Jimmy Spithill, il più giovane skipper nella storia dell’America’s Cup, non si è mai arreso e ha lottato con successo respingendo gli otto match point degli avversari, portandosi ferocemente al comando e spingendo il multiscafo AC72 a velocità mai raggiunte in precedenza.

In condizioni avverse – nell’ultima settimana la gara era stata più volte posticipata a causa dei venti che soffiavano oltre i limiti prestabiliti – Spithill, insieme a Ben Ainslie e a Tom Slingsby, rispettivamente tattico e stratega di ORACLE TEAM USA, sono stati in grado di analizzare rapidamente le condizioni in continuo mutamento e di decidere la linea da adottare, grazie anche ai dispositivi di connettività di bordo e agli innovativi smartwatch concepiti e sviluppati in collaborazione con TAG Heuer. Il sistema elettronico dedicato utilizza una versione appositamente studiata del cronografo Aquaracer 500M Calibro 72 Countdown. Personalizzati in base alle mansioni specifiche di ogni componente dell’equipaggio e collegati wireless ai computer di bordo, gli Aquaracer – robusti, impermeabili e resistenti a impatti fino a 5.000 G – hanno trasmesso costantemente informazioni aggiornate sul comportamento dell’imbarcazione, tra cui dati sulla velocità di andatura, sull’equilibrio dello scafo e sulla pressione delle vele, oltre che sull’effettiva forza, direzione e angolazione dei venti.

“Si è trattato di un importantissimo banco di prova”, ha dichiarato Linder. “Insieme a ORACLE TEAM USA, abbiamo costruito qualcosa che ha il potenziale per cambiare il volto a questo sport. Un traguardo non solo per la vela, ma anche per tutta l’orologeria svizzera. Non vediamo l’ora di rientrare in laboratorio – e poi di nuovo in acqua”.